Quanto la comunicazione influisce sulla percezione esterna del tuo Hotel e quanto, di conseguenza, sul Revenue? part. 1

Quando parliamo di Revenue Management per le strutture ricettive siamo propensi a pensare al solo rapporto tra tariffa, nuda e cruda, e occupazione.

Bene, per quanto i due indici siano fondamentali non sono gli unici che possano darci una panoramica puntuale sull’andamento della nostra attività ricettiva.

Occupazione e tariffe sono, fondamentalmente, il risultato di azioni mirate di marketing fatte a monte.

Basare la sola attività di Revenue sull’equazione y=ax2+bx+c, anche definendo correttamente i suoi coefficienti, non è sufficiente. In questo modo, puoi ben capire, che basterebbe applicare un’equazione, inserire i coefficienti per avere l’hotel, il B&B, l’affittacamere costantemente pieno… ma vedremo che non è così.

Oggi analizzeremo, perciò, l’importanza della comunicazione sull’attività di marketing e revenue della tua struttura ricettiva.

Comunicazione aziendale: una visione Olistica della Comunicazione.

 Comunico solo con i social…

Comunico solo con la pubblicità su giornale…

Potrei riportare le più disparate affermazioni sentite in tutti questi anni!

Il punto da cui partire per un’azione di Marketing e Revenue proficua per la tua attività ricettiva è: avere ben chiari i mezzi attraverso cui la tua azienda comunica e quali messaggi trasmette attraverso tali canali.

Non un canale soltanto o una parte dei canali e relativi messaggi ma… TUTTI!

Questa disciplina, detta “Corporate Holistic Communication”, cioè la Comunicazione Olistica d’Impresa, è il punto di partenza dell’analisi della comunicazione che Zen Marketing mette in atto.

L’analisi della comunicazione ci porta ad intercettare quelle mine vaganti che sono i “Messaggi Inconsapevoli” che ogni giorno lanciamo nell’etere comunicativo!

Come possiamo arginare questa mole di “messaggi inconsapevoli”? Offrendo una visione “olistica” della comunicazione.

La tua attività, come la mia, comunica in due “modalità” principali:

  • Comunicazione Interna;
  • Comunicazione Esterna;

Comunicazione che può essere:

  1. Inconsapevole;
  2. Consapevole.

Comunicazione e Revenue Management. Un indice per la nostra attività di Revenue Management.

Quando definiamo la comunicazione Inconsapevole? Tutto ciò che avviene in modo inconsapevole avviene per una profonda mancanza di “attenzione”.

L’attenzione, però, non va confusa con la concentrazione. In questo caso l’attenzione è intesa come azione consapevole e mirata, nonché responsabile anche nel caso in cui scaturisse l’errore.

Immaginiamo ad esempio il nostro collaboratore al front office, con barba trascurata, abito non curato e chewing gum in bocca, dare informazioni al nostro Ospite che, magari, è andato in reception per lamentarsi di un disservizio in camera! Immaginatelo con un braccio poggiato al banco che parla con sufficienza… Forse per lui è normale ma in questa situazione emergono parecchi messaggi inconsapevoli: dalla svogliatezza alla trascuratezza. Pensate a cosa potrebbe passare nella mente del  nostro Ospite. Pensate che tornerà volentieri?

Questo punto, che potrebbe sembrare avulso da una logica di revenue management, invece, a nostro avviso, implica importanti considerazioni.

La Comunicazione, sia essa interna che esterna, deve seguire un “programma informativo” chiaro e condiviso. Un programma che passa, internamente, attraverso le disposizioni aziendali, esternamente, attraverso i canali e chi veicola tali messaggi.

Nella nostra equazione di partenza, in cui cerchiamo di racchiudere il senso del revenue management, tra i fattori che influiscono sulla potenzialità giornaliera e perciò dell’attrattività della nostra struttura ricettiva è fondamentale inserire l’andamento della comunicazione aziendale.

Come ho comunicato e quali sono stati i risultati della comunicazione?
Quanto i reparti addetti alle vendite, front office e ristorante, ad esempio, hanno recepito il messaggio aziendale?
Quanto la mia azione di comunicazione ha convertito?

Da queste basi partiremo con il prossimo articolo sull’indice di influenza della comunicazione…

Comunicate, sempre! (non è solo un invito ma un Memorandum!)

Share This